Celebrata Veglia Missionaria Diocesana

Scritto da Antonio Cavallaro .

Il tema nazionale della giornata mondiale missionaria, “Periferie, cuore della missione” è stato il leit motiv della veglia diocesana missionaria cha ha si è tenuta significativamente nella Chiesa di Santa Maria delle Grazie a Sambiase venerdì 18 ottobre, guidata da S. E. Mons. Cantafora. Un’occasione di preghiera e ascolto della Parola di Dio, certamente, ma anche di riflessione. Durante la serata sono state ascoltate infatti alcune intense testimonianze come quella di Padre Paolino Tomaino, missionario “storico” della Diocesi di Lamezia Terme in Africa, quella di Rosa Montano, missionaria in Uruguay, che ha dovuto affrontare l’opposizione di malviventi locali e da lì tornata in Italia per ragioni di sicurezza ma che non ha smesso di progettare e sognare il suo ritorno in Uruguay, e la toccante esperienza di un’operatrice dell’Associazione Mago Merlino che, a Lamezia, si occupa di donne extracomunitarie violate o comunque in difficoltà. Testimonianza questa che ha consentito ai presenti di comprendere a fondo che, come ha ricordato Mons. Cantafora durante la sua riflessione, le periferie non sono solo quelle che distano migliaia di chilometri da noi, ma possono distare anche solo duecento metri, e talvolta possono anche essere all’interno della nostra stessa famiglia.

Antonio Cavallaro 

Amleto sul soglio di Pietro? Amleto beato?

Scritto da Don Roberto Tomaino.

Amleto sul soglio di Pietro? Ora Amleto beatificato? Domani, Papa Francesco presiederà il rito di beatificazione di Paolo VI, un grande uomo di Dio che ha aperto le strade percorse poi dopo dai suoi successori. Non è un Amleto con l’aureola, ma un Papa di coraggio, dalla profezia vera, con una fermezza e un equilibrio da capitano in tempesta. Un commentatore di quegli anni 60 scrive: “Occorreva un Papa come Giovanni, impulsivo e semplice, per iniziare il Concilio, ed era necessario un Papa della misura di Paolo Vi, profondo e riflessivo, per salvarne lo spirito e impedirne le deviazioni”. Paolo VI si domanda: da dove riprendere la Chiesa? Da dove riiniziare il cammino? Quale la strada da percorrere? Quale la meta da raggiungere? La domanda è lecita, la risposta è chiara. “Cristo, Cristo nostro principio; Cristo nostra vita e nostra guida; Cristo nostra speranza e nostro termine”.