Online il sussidio di Quaresima-Pasqua 2017

Scritto da redazione.

Il Sussidio di Quaresima-Pasqua 2017, preparato dall’ufficio liturgico nazionale è disponibile online nel sito www.chiesacattolica.it  Il punto di partenza è la riflessione della Parola di Dio dal mercoledì delle Ceneri fino alla domenica di Pasqua. In linea con il percorso battesimale dell'anno A, con un’attenzione a tutte le letture, si ripercorre la storia della salvezza, l'annuncio del Vangelo, la possibilità di seguire Gesù fino alla croce e alla vittoria sulla morte. Le indicazioni liturgiche offrono spunti mirati per celebrare con frutto i Tempi forti di Quaresima e di Pasqua secondo un autentico spirito di ascolto e conversione: lasciando spazio al silenzio, a scelte lungimiranti e ponderate, rinunciando alla tentazione di spettacolarizzare la liturgia, si suggerisce che primario è rendersi disponibili a lasciarsi toccare dalla Parola e dai santi segni della liturgia, mediante i quali si attua l’annuncio di salvezza, per riscoprire la propria vocazione battesimale, testimoniandola ai fratelli. Per la tematica propria di ciascuna Domenica di Quaresima ci si è riferiti alla Liturgia della Parola e all’eucologia, considerando allo stesso tempo le indicazioni offerte dal Calendario Romano generale, dal Direttorio su Pietà popolare e Liturgia, dalla Lettera della Congregazione per il Culto Divino e la Disciplina dei Sacramenti Paschalis sollemnitatis. Le sobrie, ma dense indicazioni per il Triduo Pasquale ripropongono i contenuti fondamentali e le disposizioni normative aiutando a cogliere le potenzialità pastorali di celebrazioni impostate e attuate con una sapiente Ars Celebrandi. Accanto alla proposta puntuale di canti del proprium per ogni domenica e alla valorizzazione del canto del Salmo responsoriale, si segnala una serie di schede di presentazione di canti tratti dal repertorio nazionale, per favorirne un’assimilazione esemplare e un corretto uso, e offrire criteri esemplari per la scelta dei repertori da cantare durante le celebrazioni. L’auspicio è che il sussidio possa contribuire ad affinare la qualità delle celebrazioni liturgiche delle nostre comunità cristiane.