Successo di pubblico per la XXXV edizione di "Ragazzi in gamba"

Scritto da Antonio Cataudo.

Ancora una volta il palcoscenico dell’auditorium dell’Istituto comprensivo “Nicotera-Costabile” di Lamezia Terme ha fatto da sfondo alla 35esima edizione della rassegna “Ragazzi in gamba”, la kermesse di teatro, danza, musica, cortometraggio, folk e canto, che ha visto protagonisti nella “due giorni” studenti provenienti da diversi centri della Calabria. Lo slogan di quest’anno è stato tratto da una frase celebre di Paolo Neruda: “potranno tagliare tutti i fiori, ma non fermeranno mai la primavera”. La manifestazione, dopo l’introduzione di Marco Fè, il presentatore ufficiale della kermesse, ha preso il via con la benedizione di don Domenico Cicione Strangis, parroco in solido della parrocchia Maria Santissima delle Grazie, cui ha fatto seguito la lettura della “preghiera del musicista”. A conclusione della rassegna, la sfilata di numerosi gruppi per le vie del centro storico di Sambiase dove, nella suggestiva piazzetta “Santa Sofia”, per l’occasione addobbata ad hoc, è stata celebrata la “prima festa della primavera” in collaborazione con l’associazione San Nicola, presieduta da Pino Morabito. Appuntamento molto atteso quello di Lamezia della rassegna “Ragazzi in gamba”, nata a Chiusi, in provincia di Siena 55 anni addietro, con l’intento di scoprire giovani talenti, tra bambini e ragazzi di tutte le scuole della Penisola. “Trenta le scuole partecipanti all’edizione di quest’anno”, ha evidenziato Marco Fè, aggiungendo che “con ‘Ragazzi in gamba’, da 35 anni è stato gettato un ponte con Lamezia”. A Fè, che è anche socio onorario del sodalizio San Nicola, ha fatto eco Gaetano Montalto, la mente e le braccia della manifestazione, per sottolineare che “trentacinque anni di storia della rassegna sono incastonati ormai nella storia stessa della Città! Anche se poveri e tra mille difficoltà, i ragazzi in gamba ha concluso Montalto- non hanno disertato il loro tradizionale appuntamento con la primavera, ben consci che ancora è davvero possibile un mondo migliore!”. Per la città di Lamezia Terme, che ospita la rassegna da sette lustri, si sono esibiti: gli alunni degli istituti comprensivi “Nicotera-Costabile”, “Fiorentino-Borrello”, “Manzoni-Augruso” e quello di Sant’Eufemia Lamezia; la scuola dell’infanzia “Il mondo dei bambini” e la scuola di danza “Flash Dance”; l’istituto comprensivo di Campora; l’istituto comprensivo “Giovambattista Moscato” di San Lucido-Falconara Albanese; l’istituto tecnico industriale di Polistena; l’istituto comprensivo di Soriano-Gerocarne; l’istituto comprensivo “Aldo Moro” di Guardavalle; l’istituto comprensivo di Tiriolo- Gimigliano; l’Istituto Comprensivo di Squillace; l’istituto comprensivo di Borgia; l’Accademia musicale maidese.