Giornata della memoria, oggi come ieri

Scritto da Antonio Marziale.

Ieri i bambini ebrei, oggi i bambini siriani e di altre nazioni coinvolte in conflitti che stanno determinando veri e propri olocausti. Una storia che si ripete e che impegna l’umanità tutta a riflettere. Giornate come queste non devono soltanto ricordarci ciò che è stato, ma impegnarci su ciò che è, con uno sguardo perennemente rivolto ai più piccoli, incapaci di abbozzare una benché minima difesa davanti ad aggressori privi di coscienza e scrupoli, che macchiano la storia dell’umanità del più orrendo crimine tra i crimini, con la speranza che proprio loro, i bambini di oggi, riescano ad invertire una rotta che le generazioni precedenti alla nostra e la nostra non hanno saputo deviare sui binari del rispetto della dignità dell’uomo e della vita.