·

Parrocchie news

Prosegue il pellegrinaggio con la statua della Madonna di Dipodi nelle Parrocchie di Lamezia

Paolo Emanuele · 5 anni fa

Il pellegrinaggio dell’effigie della Madonna di Dipodi, che dall’11 ottobre u.s. sta interessando le parrocchie di Lamezia, dopo aver toccato Nicastro, da qualche giorno si è spostato su Sambiase. La “Peregrinatio Mariae”, con la statua della Madonna di Dipodi dal Santuario omonimo in Feroleto Antico – retto da don Antonio Astorino – alle Parrocchie della città della Piana, è stata fortemente voluta dal vescovo di Lamezia monsignor Luigi Cantafora in occasione della chiusura dell’Anno della Fede (11 ottobre 2012 – 24 novembre 2013), che indetto lo scorso anno da Benedetto XVI sarà concluso da Papa Francesco tra 18 giorni, nella Domenica di Cristo Re dell’Universo.

Dopo l’arrivo, circa un mese addietro, della sacra effige di Dipodi nel Duomo lametino, il calendario della “Peregrinatio Mariae” ha già interessato le parrocchie di Santa Maria Maggiore, San Domenico, Sant’Antonio, Beata Vergine del Rosario, Beata Vergine del Soccorso (Magolà), San Teodoro, Pietà e Natività della Beata Vergine Maria (Bella).

In ogni parrocchia, dove l’effige sosta mediamente tre giorni, recita del Rosario e Sante Messe, veglie di preghiera e preghiera personale, incontri sulla tematica “Beata colei che ha creduto” (Luca 1,45).

Il percorso della statua mariana dal 1° novembre si è spostato su Lamezia ovest, ad iniziare dalla chiesa della Madonna del Carmine, dove l’immagine della Madonna di Dipodi è rimasta fino alla serata del 4 novembre, quando portata a spalla dagli statuari del Carmine e di quelli di S. Francesco di Paola di Sambiase, è stata trasferita con una fiaccolata dal sacro tempio di Cafaldo (al termine della S. Messa presieduta da don Carlo Cittadino e concelebrata dal vice parroco del Carmine don Emmanuel Akumu-Okot, dai padri Antonio Casciaro e Antonio Bonacci dei Minimi e dal rettore del Santuario di Dipodi, don Antonio Astorino) alla parrocchia di San Pancrazio (chiesa Matrice), ove rimarrà fino alla serata odierna, mercoledì 6 novembre. Alle 17:30, infatti, nella chiesa Madre ci sarà una Concelebrazione Eucaristica (presieduta da padre Sijo Kannamputza, della comunità dei Minimi dell'India), al termine della quale si svolgerà la fiaccolata per il trasferimento della statua della Madonna di Dipodi nella chiesa Maria SS delle Grazie.

A seguire, la sacra effigie sarà nelle seguenti altre parrocchie cittadine: l’8, il 9 e il 10 novembre toccherà San Raffaele Arcangelo; 10, 11, 12 e 13 San Giovanni Battista, Sant’Eufemia; 13, 14 e 15 San Giovanni Calabria; 15, 16 e 17 San Giuseppe Artigiano; 17, 18 e 19 novembre Redentore; 19, 20, 21 e 22 Santa Maria Goretti; 22, 23 e 24 novembre Santa Chiara. Da quest’ultima chiesa, il 24 novembre, giornata di chiusura dell’Anno della Fede 2013, la statua della Madonna di Dipodi con un pellegrinaggio farà rientro nel suo Santuario.