·

Chiesa

E' il Vescovo Stefano Russo, il nuovo segretario della Cei

Redazione · 14 giorni fa

Lo ha nominato Francesco. Bassetti: accogliamo la nomina con gioia e fiducia. Il vescovo di Fabriano-Matelica: «Nomina che mi ha sorpreso, gratitudine al Papa. Sarò a servizio della comunione»

Papa Francesco ha nominato monsignor Stefano Russo, vescovo di Fabriano-Matelica, segretario generale della Cei. «È una nomina che accogliamo con gioia e fiducia», commenta il cardinale Gualtiero Bassetti, presidente della Cei. E il neo segretario, in una dichiarazione ad Avvenire, risponde: «Ricevo questa nomina con sorpresa ed esprimo gratitudine al Papa. Al cardinale Bassetti, che ho sentito per telefono, esprimo fin d'ora il mio impegno a mettermi a servizio della comunione e della sinodalità».

«Nei giorni scorsi, come Consiglio Episcopale Permanente - prosegue la dichiarazione del presidente della Cei -, abbiamo espresso a S.E. Mons. Nunzio Galantino la nostra riconoscenza per quanto con intelligenza e zelo ha fatto negli anni del suo mandato. Ora, la decisione del Santo Padre è motivo di viva gratitudine: anche questa nomina è segno della prossimità e della cura con cui Papa Francesco accompagna il cammino della nostra Chiesa. A Mons. Stefano Russo, che ben conosce la Segreteria Generale essendo stato per una decina d’anni il responsabile dell’Ufficio Nazionale per i beni culturali ecclesiastici, va la nostra vicinanza, la nostra preghiera e il nostro fraterno augurio».

«Sono consapevole della difficoltà che questo incarico comporta - afferma monsignor Russo -, ma sono confortato dal fatto di conoscere in segreteria generale tante persone che hanno questa stessa passione di voler lavorare secondo uno stile di sinodalità. Ho conservato belle relazioni con tutto il personale della segreteria generale e chiedo fin d'ora l'aiuto di tutti». Monsignor Russo rimarrà per il momento alla guida della diocesi di Fabriano Matelica. «Salvo diverse indicazioni, per il momento sarà così. Ma è successo tutto così in fretta che non ho avuto modo di approfondire questi aspetti», confida. «Quel che è certo è che oggi continuerò con tutti gli impegni già in agenda. Nei prossimi giorni, poi, insieme con il cardinale presidente, decideremo quando iniziare il lavoro a Roma».

«Grazie al Santo Padre per aver provveduto a dare alla Conferenza episcopale italiana un nuovo segretario generale nella persona di mons. Stefano Russo». Così monsignor Nunzio Galantino, presidente dell’Apsa e già segretario generale della Cei, commenta al Sir la nomina di monsignor Russo: «Gli auguro che possa trasmettere e vivere questo servizio con l’intelligenza, la competenza e la passione che tutti gli abbiamo sempre riconosciuto. Ma sopratutto che, con la sua sensibilità umana e spirituale, possa aiutare i vescovi italiani a crescere come famiglia nel servizio della nostra Chiesa». «Da parte mia – conclude Galantino – anche un ringraziamento al presidente Bassetti, al presidente Bagnasco, a monsignor Crociata che mi ha preceduto e a tutti gli altri vescovi, i sottosegretari, i direttori, i dipendenti. A tutta la famiglia Cei, che è una bella famiglia. E un saluto alla famiglia di Casa assistenti, a cominciare dalle Suore oblate del Sacro Cuore di Gesù».

LE REAZIONI La gioia e l'impegno a lavorare insieme

Chi è Stefano Russo
Monsignor Stefano Russo è nato ad Ascoli Piceno il 26 agosto 1961. Ha frequentato il Movimento Diocesano dell’Opera di Maria. Dopo aver conseguito il diploma di perito tecnico in Telecomunicazioni, si è iscritto alla Facoltà di Architettura di Pescara, laureandosi nel luglio 1990 con una tesi di indirizzo storico. Ha iniziato il percorso formativo al sacerdozio a Grottaferrata, presso il Centro Gen’s (Generazione Nuova Sacerdotale), Comunità dei Focolari, frequentando i corsi per il Baccalaureato in Teologia presso la Pontificia Università Lateranense. Il 20 aprile 1991 ha ricevuto l’ordinazione presbiterale presso la Cattedrale di Ascoli Piceno per le mani del compianto Ecc.mo Mons. Marcello Morgante.

Dal 1990 al 2007 è stato Presidente della Commissione Arte Sacra e Beni Culturali della diocesi di Ascoli Piceno e Incaricato per i Beni Culturali Ecclesiastici della medesima diocesi; dal 1990 al 2005 è stato Membro della Consulta per i Beni Culturali Ecclesiastici della Conferenza Episcopale Marchigiana; dal 1995 al 2005 ha gestito e coordinato le attività del Museo Diocesano di Ascoli Piceno. Nel 1996 ha partecipato al Corso di formazione per l’edificazione e l’adeguamento liturgico degli edifici di Culto organizzato dalla Conferenza Episcopale Italiana; dal 1996 al 2005 è stato Incaricato Regionale per i Beni Culturali Ecclesiastici della Conferenza Episcopale Marchigiana; dal 1996 dirige il lavoro d’inventariazione informatizzata dei Beni Storico-Artistici della diocesi di Ascoli Piceno.

Dal 1999 al 2001 è stato Amministratore parrocchiale della parrocchia di S. Pietro in Castel San Pietro (Ap). Dal 2001 al 2005 è Responsabile dell’Udtap, Ufficio che coordina gli interventi di recupero degli edifici di valore storico-artistico, danneggiati dal terremoto, di pertinenza della diocesi di Ascoli Piceno. Dal 2001 è Membro del Comitato dell’Ufficio Nazionale Beni Culturali Ecclesiastici della Cei; è Membro della Commissione per i Beni e le attività culturali della Regione Marche dal 2002 al 2005. Dal marzo 2005 all’agosto 2015 è stato Responsabile dell’Ufficio Nazionale Beni Culturali Ecclesiastici della Cei, continuando a servire come Vice parroco la comunità di San Giacomo della Marca. Dal novembre 2015 è stato Parroco della parrocchia dei Santi Pietro e Paolo, in Ascoli Piceno. Il 18 marzo 2016 Papa Francesco lo ha nominato Vescovo di Fabriano-Matelica e il 28 maggio è stato ordinato.

Attualmente è Vice Presidente della Conferenza Episcopale Marchigiana e Presidente del Comitato per la valutazione dei progetti di intervento a favore dei beni culturali ecclesiastici e dell'edilizia di culto.
(fonte Avvenire)