·

Lavoro e Sviluppo

Presentato al Liceo “Campanella” Youth Garantee

Redazione · 5 anni fa

Dall’U.E. opportunità per i giovani tra i 15 e i 29 anni Una “garanzia” per i giovani dai 15 ai 29 anni che, entro 4 mesi dall’inizio della disoccupazione o dall’uscita dal sistema di istruzione formale, avranno la possibilità di svolgere tirocini formativi,

apprendistato, opportunità di reinserimento nei percorsi di istruzione e formazione. E’quanto prevede “European Youth Garantee”, il programma promosso dall’Unione Europea per facilitare l’inserimento dei giovani nel mercato del lavoro: ogni stato membro dovrà assicurare ai giovani under 25 un’offerta “qualitativamente valida di lavoro”, secondo piani di attuazione decise dai singoli stati e dalle Regioni.

Il Piano di attuazione italiano prevede di estendere l’intervento ai 29 anni, concentrandosi sui giovani della fascia di età 15-29 che non lavorano e non frequentano corsi di istruzione o formazione (NEET), il cui numero in Italia è di circa 2.250.000.

A parlare delle opportunità di Youth Garantee agli studenti del Liceo “Campanella”, i giovani delle Acli di Lamezia Terme nell’ambito di un’iniziativa svoltasi questa mattina che si inserisce nel progetto di alternanza scuola – lavoro promosso dal Liceo Campanella in partenariato con Unioncamere Calabria e la Camera di Commercio di Madrid.

“Il nostro Liceo” – ha ricordato il dirigente dell’istituto Giovanni Martello – “si distingue per un’offerta formativa di respiro europeo, prevedendo lo studio di tre lingue straniere e avviando per la prima volta in un Liceo dei percorsi di alternanza scuola – lavoro, opportunità riservata finora solo agli istituti tecnici”. “Il tempo del posto fisso è finito, come scuola dobbiamo essere in prima linea per veicolare lo spirito di intraprendenza, competenza chiave per i cittadini europei”, ha aggiunto Martello ricordando come gli studenti del Campanella grazie al progetto “Keramos, saperi e sapori” coordinato dalla professoressa Michela Cimmino, abbiano già toccato con mano l’esperienza dell’Erasmus a Madrid, in una full immersion di studio e lavoro nelle realtà culturali e imprenditoriali della capitale spagnola.

L’incontro, coordinato dalla presidente dei giovani delle Acli di Lamezia Terme Federica Ruberto, è stato aperto dall’intervento di Danilo Greco che ha parlato di Youth Garantee come di “uno strumento concreto che punta sulla contendibilità dei giovani, considerandoli una risorsa per la crescita economica”. Greco ha sottolineato la necessità che “i fondi messi a disposizione dall’Europa per Youth garantee siano spesi bene dagli stati e dalle regioni e, in particolare in Calabria, siano utilizzati per offrire una prospettiva concreta ai giovani che scelgono di restare e investire in questa terra.” A illustrare nei dettagli il progetto, il direttore generale di Unioncamere Antonio Palmieri.

Di futuro dei giovani calabresi, hanno parlato nelle loro testimonianze l’imprenditore Pippo Callipo e Don Roberto Tomaino, assistente spirituali delle Acli lametine. “Si possono realizzare progetti in Calabria anche restando dritti, senza ringraziare nessuno, mantenendo la propria libertà”, ha detto Callipo agli studenti indicando nell’“investimento nel capitale umano” la bussola della sua attività imprenditoriale anche in tempi di crisi. “Coltivare aspettative, motivazioni e progetti pensando che siamo noi stessi la prima garanzia del nostro futuro” ha detto agli studenti Don Roberto Tomaino invitandoli a “trasformare in progetti le proprie idee partendo dalla ricchezza personale che ognuno porta dentro”.