·

Educazione e Scuola

Unire senza confondere, distinguere senza separare

Antonio Cataudo · 6 anni fa

La storia si ripete. Un progetto per aiutare i giovani a fare memoria del passato per costruire il futuro. E’iniziato, nelle scuole superiori di Lamezia Terme, un progetto di sensibilizzazione alla realtà migratoria. Gli incontri -tenutisi nell’Istituto Tecnico Commerciale “V.De Fazio”- da Suor Fatima Salvagni, missionaria scalabriniana e Valentina Costantino, volontaria della Caritas, insegnano ai giovani la storia dell’emigrazione italiana della fine dell’800.

Tempi drammatici di povertà e miseria che hanno spinto tanti italiani verso le Americhe. La situazione, nel corso degli anni, si inverte e oggi è l’Italia ad essere chiamata ad accogliere i poveri che cercano un futuro da noi. Ed è questo il tema della seconda lezione, in cui un migrante, proveniente dal Pakistan, dà testimonianza della sua storia migratoria.

Uno sguardo sulle notizie riportate nei giornali dell’epoca, aiuta gli alunni a vedere come ad oggi le cose non siano poi cosi tanto cambiate. L’accoglienza e l’ospitalità sono virtù cristiane. Tutti siamo OSPITI e la storia si ripete. Abbattiamo i muri , costruiamo legami , diventiamo fratelli. Questi sono gli obiettivi del progetto che può essere richiesto dalle diverse scuole o altre agenzie educative, parrocchie incluse. Senza memoria storica non c’è futuro, quindi, vogliamo aiutare i nostri giovani a costruirlo senza paure