·

La parola del Vescovo

Annuncio dell'elevazione del Santuario mariano di Conflenti a Basilica minore

Vescovo Luigi Antonio Cantafora · 3 mesi fa

Carissimi fratelli e sorelle,

la storia del nostro Santuario è stata una storia grande e come spesso capita, non sempre il presente è all’altezza del nostro passato. Il Vescovo del tempo, Monsignor Pierbenedetti una volta lasciata Martirano per giungere a Roma come Canonico di Santa Maria Maggiore, al tempo delle apparizioni ha diffuso il culto della Madonna della Quercia a Roma e nel Lazio e si è prodigato per arricchire il santuario, la cui fama è culminata con l’incoronazione da parte del Capitolo Vaticano.Privilegio molto grande per quel tempo.

La bellezza e l’imponenza del Santuario è stata tale che da sempre il popolo ha definito questo luogo come Basilica. Anche se non vi era mai stata la concessione di questo privilegio da parte della Sede Apostolica. Fin dagli inizi del mio episcopato sono rimasto affascinato da questo luogo mariano a cui sono profondamente legato e a cui ho dedicato tutte le mie energie e risorse per trasformare Conflenti in una città mariana.

Dopo il monastero, il restauro della Querciola e del Santuario a Conflenti, la nascita del Rifugio di S. Maria della Bellezza, ora ho la gioia grande di annunciarvi che il 31 maggio, dopo aver presentato e scritto alla Congregazione competente, è stato firmato il decreto con cui il Santuario della Madonna della Quercia di Visora è stato eretto a Basilica Minore e pertanto gode di privilegi unici sanciti dal diritto e dalla legislazione canonica.

La Diocesi di Lamezia Terme ha per la prima volta nella sua storia una Basilica e questo Santuario potrà fregiarsi del titolo di Basilica per concessione di Sua Santità Papa Francesco.

Tutto questo è una grande onore, ma anche un onere. Significherà assicurare quotidianamente un servizio religioso all’altezza di una Basilica e un impegno da parte della comunità in una cura ancora più zelante.

E forse questo potrebbe spingere le autorità competenti a volersi impegnare per rendere Conflenti sempre più raggiungibile e accogliente dal punto di vista delle strade.

Ad ottobre ci sarà la solenne elevazione a Basilica presieduta dal Cardinale Sarah a cui sono certo parteciperemo in grande numero e con gioia per il dono che viene fatto alla Chiesa e a Conflenti.

Preghiamo per il Santo Padre e per la nostra Diocesi che qui a Conflenti si raduna per ricevere il conforto e la protezione di Maria.