·

Cultura e Società

Aeroporto da intitolare a S.Francesco di Paola

Paolo Emanuele · 7 anni fa

Intitolazione coerente con il patrimonio storico e la ricchezza culturale calabrese In premessa, penso che testimoniare costruisca storia di bene, e porre in evidenza i testimoni del passato, cristiani o di altre fonti ideali, sia un grande valore di futuro. Si tratta di identificare le luci ed i semi edificanti di tutte le dimensioni spirituali, culturali..... "Et-et" non "aut-aut". Com-prendere il vero, il bello, il bene, il giusto ovunque ed in qualunque abito si siano evidenziati, poiché l'essenza del tutto proviene dall'Unica Fonte. In merito all'intitolazione a san Francesco di Paola dell'Aeroporto internazionale di Lamezia Terme: Alla luce della risonanza mediatica dell'argomento, ed essendo la nostra cultura sociale radicata sull'antropologia cristiana e la nostra coscienza morale fondata sui principi evangelici è saggio apprezzare tale enorme patrimonio di storia e di vita, riconoscendone il valore come fondamento di identità plurima e complessiva,

oltre la singola scelta o conferma di fede specifica. Inoltre, evidenziare luminose testimonianze come quella di Francesco di Paola, santo e giusto, sia atto di intelligenza e di serenità culturale e di pluralità profonda. Inoltre, inorgoglisce essere conterranei di una figura così alta, e la proposta di tale nome è pertinente anche per questo.

Al termine delle celebrazioni dei 150 anni dell’Unità d’Italia uno dei frutti è quello di aver riscoperto l’identità nazionale di popolo. Una identità fatta di uomini, luoghi, storia. Per cui, il sentirsi parte di questo volto di comunità italiana significa essere fieri della propria identità positiva, ricercare i segni storici di significato universale, offrire all’umanità le bellezze dello spirito incarnati in persone illuminate e di giustizia, porgere con umiltà e con sano orgoglio di appartenenza i semi dell’Umano di questo splendido lembo dell’originaria terra italica. La biografia di Francesco di Paola disegna nella sua figura di uomo e di esperienza storica l’autentica calabresità, i tratti italici, e porta la visione europea ed un messaggio mondiale della pace. Sono criteri di attualità che candidano, nell’ascolto accogliente della vera, inclusiva pluralità, il suo nome per l’intitolazione dell’Aeroporto internazionale di Lamezia Terme.

E si propone che la celebrazione dell’intitolazione preveda un convegno internazionale, a letture e voci differenziate, sulla figura di questo gigante calabrese, sul solco delle assisi di studio promosse dal primo biografo scientifico del Santo, il compianto padre Alessandro Galuzzi (professore e decano della Pontificia Università Lateranense, amico e collaboratore di Giovanni Paolo II, superiore generale dell’Ordine, segretario della Pontificia Commissione Studi Storici, autore di numerosi saggi su san Francesco).