·

Vita diocesana

Un bene confiscato alla mafia assegnato alla Caritas Diocesana di Lamezia Terme: obiettivo di legalità raggiunto per il progetto “Costruire Speranza”.

Paolo Emanuele · 5 anni fa

Un bene confiscato alla mafia assegnato alla Caritas Diocesana di Lamezia Terme: obiettivo di legalità raggiunto per il progetto “Costruire Speranza”.

Nei giorni precedenti al Natale, la Giunta Comunale lametina ha assegnato, alla Caritas Diocesana di Lamezia terme, un bene confiscato alla mafia, per la durata di quindici anni rinnovabili.

L'immobile che si trova in contrada Lenza Viscardi, servirà a realizzare un centro di accoglienza per i giovani con dipendenze patologiche ed uno spazio di pronta accoglienza per le donne con bambini senza dimora.

La realizzazione di questa “Opera Segno” su un bene confiscato alla mafia rappresenta il raggiungimento di un obiettivo che le Caritas calabresi si sono date nell’ambito del progetto “Costruire Speranza”.

Ricordiamo che Il progetto “Costruire Speranza”, voluto fortemente dai Vescovi della Calabria e finanziato dalla Caritas italiana, ha dato impulso a diverse attività formative ed animative di promozione della legalità che si stanno svolgendo nelle dodici diocesi della Calabria.

Un ottimo risultato quindi che è di buon esempio ed incoraggia istituzioni ed associazioni e quanti animati dallo spirito della giustizia e legalità intendono avviare azioni di antimafia sociale a tutela di tutta la cittadinanza.