·

Vita diocesana

Scuola Diocesana di Dottrina Sociale della Chiesa: nono anno.

Paolo Emanuele · 5 anni fa

Il nono anno della Scuola diocesana di Dottrina Sociale della Chiesa si è aperto con una due giorni di formazione socio – politica in Dottrina Sociale della Chiesa, alla presenza di S.E. Mons. Cantafora, Vescovo di Lamezia Terme, di S. E. Mons. Mario Toso, Segretario del Pontificio Consiglio Giustizia e Pace e di un consistente gruppo di partecipanti interessati a questioni quali la politica, la società civile, l’economia e la finanza. Tema centrale è stato il ripensare la presenza e il ruolo dei cattolici in detti ambiti. Questa momento formativo arriva dopo un lungo percorso, che dura ormai da otto anni e che ha visto tanti laici, giovani e meno giovani, di Lamezia Terme e delle zone limitrofe interessarsi ed appassionarsi a temi quali il Bene comune, il lavoro, la salvaguardia del Creato, la cittadinanza attiva e la politica come servizio alla collettività. La Dottrina sociale della chiesa, che è da considerarsi strumento essenziale dell’opera di evangelizzazione della chiesa (Sollecitudo Rei Socialis n° 41), anche per questo anno pastorale pone al centro del suo percorso il Popolo di Dio chiamato alla realizzazione del Bene comune. Tema di questo nuovo anno è infatti Noi come cittadini noi come popolo, riprendendo l’importante discorso che il Cardinale Bergoglio, ora Papa Francesco, pronunciò in occasione della XIII giornata di pastorale sociale per il Bicentenario della Nazione argentina. L’obiettivo è quello di favorire la rinascita della politica e della democrazia, coinvolgendo tutte le classi sociali, prima fra tutte quella dirigente. Come infatti ha affermato Mons. Toso nel suo intervento, “serve una nuova generazione di politici cattolici, legittimamente autonoma ma non slegata dal rapporto con i pastori della Chiesa e serve un’azione formativa sistematica dei credenti impegnati nella vita politica e sociale, perché il loro agire sia coerente con i valori del magistero sociale della Chiesa”. Partendo da questo presupposto, la Scuola propone, già per il 17 ottobre p.v. in occasione della presentazione del IV Festival in Dottrina Sociale della Chiesa, dal tema “Oltre i luoghi, dentro il tempo”, un convegno – dibattito con la partecipazione di Don Davide Vicentini, Direttore della Fondazione Toniolo, con la quale da otto anni ormai si è instaurata una proficua, duratura e fattiva collaborazione non solo in termini di formazione ma anche di scambi di esperienze tra Nord e Sud. Prova ne è il fatto che durante la seconda edizione del Festival di Dottrina Sociale della Chiesa, a Verona, una delle sessioni laboratoriali, è stata proprio dedicata alla Scuola diocesana di Lamezia Terme e ai frutti che da essa sono scaturiti in questi anni. Il 20 Dicembre p.v. poi, si avrà l’apertura ufficiale della Scuola per l’anno pastorale 2014/ 2015 con una prolusione del Ministro Maria Carmela Lanzetta. Da gennaio poi, partiranno i quattro appuntamenti annuali di formazione. Gli incontri si terranno ogni terzo giovedì del mese a Nocera marina, S. Pietro a Maida e Tiriolo, mentre a Lamezia Terme l’appuntamento è fissato per il terzo venerdì del mese, presso il salone della Parrocchia di San Giuseppe Artigiano. Continuerà inoltre, la sperimentazione, avviata già lo scorso anno, di promuovere i temi propri della Dottrina sociale nelle scuole secondarie di II grado, grazie alla collaborazione tra Istituti superiori e Progetto Policoro, per rendere così i giovani protagonisti del loro futuro e per suscitare in loro l’interesse per l’ambito socio-politico. L’incontro di chiusura, infine, previsto per il mese di maggio, sarà comunitario per tutte le sezioni delle Scuole e si concluderà con un incontro unitario in vista del V Convegno Ecclesiale di Firenze. L’intento della Scuola è quello di accompagnare i laici non solo ad essere buoni fedeli, ma soprattutto, ad essere cittadini impegnati e formati per perseguire quel senso di responsabilità fondato sul principio della destinazione universale dei beni.

Elena Cerra